Luogo di nascita dei moderni cavalli domestici
Cavalli

Luogo di nascita dei moderni cavalli domestici

L'origine dei moderni cavalli domestici è una questione controversa e complessa dominata da 2 scienze: genetica e archeologia. Gli scienziati per molto tempo non sono stati in grado di determinare la regione esatta dell'aspetto dei cavalli. La loro patria era considerata una varietà di regioni: dal territorio del moderno Portogallo alla Mongolia.

Recentemente, un grande team internazionale di ricercatori ha pubblicato un articolo sulla rivista Nature analizzando più di duecento genomi di cavalli antichi e ha finalmente cercato di rispondere alla domanda: "Dove sono apparsi per la prima volta gli antenati dei moderni cavalli domestici?".

Luogo di nascita dei moderni cavalli domestici

I cavalli di Przewalski / Foto: Oleg Kugaev

Lo affermano gli autori dell'articolo vera patria di tutti i moderni cavalli domestici sono tratti inferiori del Don e del Volga - l'area intorno alla moderna regione di Astrakhan e al Kazakistan occidentale.

Bioinformatico, ricercatore presso MicroGen Biotech Dmitrij Ravcheev ha spiegato esattamente come gli scienziati sono giunti a tali conclusioni e ha anche scoperto chi sono i teloni europei estinti e i cavalli di Przewalski miracolosamente conservati per i cavalli moderni.

I cavalli vivono con noi da soli 5mila anni, mentre i cani e le mucche sono stati addomesticati molto prima, 15 e 10mila anni fa. Tuttavia, in un periodo di tempo relativamente breve, i cavalli sono riusciti a cambiare radicalmente le nostre vite, aumentando la mobilità delle comunità umane e modificando gli equilibri delle forze militari.

Matematico, biologo e divulgatore scientifico britannico Giacobbe Bronowski nel suo libro e nella serie TV Rise of Mankind paragona l'addomesticamento del cavallo all'invenzione del carro armato – nel senso che, a differenza del bestiame necessario in agricoltura, il cavallo aveva per l'uomo soprattutto un valore militare. Ma nonostante ciò, la questione dell'origine dei cavalli domestici presenta ancora molte lacune.

Al momento, l'Asia centrale (e in particolare l'insediamento di Botai nel nord del Kazakistan, culla della cultura Botai), vari insediamenti nella penisola iberica e in Anatolia rivendicano contemporaneamente il luogo di nascita dei primi cavalli domestici.

Non è noto come sia avvenuto l'addomesticamento dei cavalli: una volta o ripetutamente. Altrimenti, gli scienziati trovano difficile dire da chi provengano i cavalli moderni. Era una popolazione addomesticata o era un miscuglio di discendenti di diversi cavalli, addomesticati in tempi e luoghi diversi.

Un altro ostacolo è l'antenato più vicino. Ora è difficile dire se fosse molto simile a un cavallo moderno teloneche visse nelle foreste e nelle steppe d'Europa fino all'inizio del XIX secolo o sopravvisse fino ad oggi Il cavallo di Przewalski, o forse un tipo completamente diverso di cavallo selvaggio, per esempio, Lena cavalloche viveva nel nord-est della Siberia.

Un gruppo di scienziati ha analizzato i genomi di un numero record di cavalli antichi al momento: 264 animali vissuti dal 50 al 200 a.C. e. nella penisola iberica, in Asia Minore e in Asia centrale, nonché nelle steppe dell'Eurasia occidentale. Il lavoro comprendeva anche studi sui genomi di dieci cavalli moderni e nove cavalli antichi.

Luogo di nascita dei moderni cavalli domestici

Tarpan / Illustrazione: Animalreader.ru

Cosa sei riuscito a scoprire?

  • Innanzitutto, si è scoperto che tutti i moderni cavalli domestici discendono dallo stesso gruppo di cavalli domestici, cioè sono strettamente correlati tra loro.
  • In secondo luogo, gli antichi cavalli domestici che si estinsero circa 4200 anni fa, così come i cavalli selvaggi dell'Eurasia occidentale che vissero fino all'inizio del terzo millennio a.C., si rivelarono strettamente imparentati con i moderni cavalli domestici.
  • In terzo luogo, è diventata più chiara la posizione dei cavalli dell'insediamento di Botai*, che erano ancora considerati i più antichi rappresentanti dei cavalli domestici nel mondo.

* L'insediamento di Botai è un monumento archeologico nel sud della regione del Kazakistan settentrionale del Kazakistan, risalente al 3700-3100 a.C. e.

Il più antico dei cavalli addomesticati è stato effettivamente trovato lì, ma per i cavalli moderni si sono rivelati solo parenti lontani. Allo stesso tempo, i cavalli Botai si sono rivelati parenti stretti del cavallo di Przewalski. Affinché Il cavallo di Przewalski, sebbene sia l'antenato del cavallo addomesticato, non è moderno, ma antico, i cui discendenti non sono sopravvissuti fino ad oggi.

Il cavallo Lena, trovato nel permafrost della Yakutia, si è rivelato essere il parente più lontano dei moderni cavalli domestici di tutti quelli conosciuti.

Scienziati anche ricostruito la storia dell'insediamento del cavallo domestico, basato su studi sui genomi e sul grado di parentela di antichi cavalli che vivevano in tempi diversi in diverse parti dell'Eurasia. Quindi, il cavallo fu addomesticato nell'Eurasia occidentale, presumibilmente nel corso inferiore dei fiumi Volga e Don, nel periodo 3500-2600 a.C. e. Le persone che lo fecero erano molto probabilmente rappresentanti della cultura Yamnaya, che esisteva alla fine dell'età del rame e all'inizio dell'età del bronzo nel sud della pianura dell'Europa orientale.

Nel 2200-2000 a.C. e. i cavalli, grazie all'uomo, si diffusero a ovest: Boemia (l'ovest dell'odierna Repubblica Ceca), Asia Minore e corso inferiore del Danubio. 1500-1000 a.C. i cavalli domestici apparvero nell'Europa occidentale e in Mongolia.

Fatto interessante: negli antichi cavalli selvaggi estinti dell'Asia Minore e della penisola iberica sono state scoperte varianti genetiche caratteristiche dei moderni animali domestici. Inoltre, sono stati trovati sia nel DNA mitocondriale (che viene ereditato attraverso la linea materna) che nel cromosoma Y (ereditato attraverso la linea paterna). Cavalli domestici selvaggi incrociati con cavalli selvaggi locali – la prova di ciò è stata scoperta dai ricercatori moderni nei genomi di antichi cavalli.

In uno studio precedente sugli antichi genomi umani, nel terzo millennio a.C. è stata trovata una massiccia migrazione umana dalle steppe dell'Eurasia occidentale all'Europa centrale e orientale. e. I ricercatori si aspettavano giustamente che i cavalli potessero svolgere un ruolo chiave, ma le aspettative non sono state soddisfatte. A quel tempo i cavalli rimanevano nella stessa zona in cui erano addomesticati, quindi non partecipavano all'antico insediamento.

Ma i cavalli ebbero un ruolo importante nella successiva migrazione, che interessò prima la Penisola Iberica e l'Asia Minore (2200 – 2000 a.C.), e poi l'Asia Centrale e la Pianura Danubiana Centrale (2000 – 1800 a.C.). I cavalli viaggiavano con le persone: aiutavano con la consegna delle merci. La diffusione dei cavalli in nuovi territori coincise con l'avvento della ruota a raggi.

Da questo quadro complesso, gli scienziati lo concludono Inizialmente, i cavalli erano usati solo per cavalcare e come bestie da soma. Poco dopo apparve la nomina del trasporto trainato da cavalli, che permise ai popoli dell'Eurasia occidentale di popolare l'Europa e l'Asia Minore nella seconda ondata migratoria.

In questo modo, gli scienziati sono stati in grado di identificare geni specifici che erano sotto pressione selettiva, in modo che le loro varianti specifiche diventassero più comuni nei cavalli domestici che nelle loro controparti selvatiche.

Luogo di nascita dei moderni cavalli domestici

Lena cavallo / Illustrazione: travelask.ru

Tra i geni importanti per la selezione c'erano i geni GSDMC e ZFPM1:

  • GSDMC – un gene che nell'uomo è associato a varie malattie, ma, nel caso degli animali, al contrario, contribuisce ad aumentare la forza della colonna vertebrale.
  • ZFPM1 – svolge un ruolo importante nella regolazione dell'umore, così come il comportamento aggressivo dell'animale. Nei cavalli domestici predominano le varianti di questo gene, il che significa ridotta aggressività.

Se riassumiamo l'analisi dei genomi dei cavalli antichi, diventa chiaro che la selezione durante l'addomesticamento si basava su due caratteristiche principali: forza della schiena e compiacenza del carattere.

E che dire del tarpan, che è stato trovato nelle steppe europee e asiatiche nel XIX secolo, anche nel sud della Russia? Sfortunatamente, i ricercatori lo hanno scoperto il tarpan non era l'antenato del moderno cavallo domestico. Inoltre, il tarpan non era né un antenato del selvaggio cavallo domestico, né un ibrido del cavallo domestico con il cavallo di Przewalski.

Tra tutti i cavalli i cui genomi sono stati studiati, i parenti più stretti del tarpan erano i cavalli selvaggi estinti d'Europa. Affinché, tarpan era un parente, ma non l'antenato dei cavalli moderni.

Fonte

Lascia un Commento